Come fare....

 
 



 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COME E QUALI SONO LE CONDIZIONI PER POTER FARE LE REVISIONI IN SEDE
 

Per poter richiedere e espletare le  operazioni tecniche di revisione periodica, presso propria sede, degli autoveicoli di massa complessiva superiore a 3,5 t., serve avere questi requisiti  :

  • Essere una grossa flotta o più autotrasportatori aggregati tra loro da un contratto, avere l’attrezzatura omologata e la superficie idonea o affittarne una, ma devono essere autorizzate dall’ufficio provinciale di competenza.
  • L’agenzia di pratiche automobilistiche può richiedere la seduta di revisione a proprio nome, gli autoveicoli possono essere di più proprietari, ma la sede deve essere unica e idonea, l’attrezzatura omologata utilizzata può essere di un’officina meccanica e quindi anche l’area, o può essere una struttura affittata per l’occasione e posta nella sede di uno dei proprietari dei veicoli da revisionare o altra sede, sempre autorizzata dall’ufficio provinciale di competenza.
  • La piccola flotta può richiedere la seduta presso propria sede, senza l’appoggio di un’agenzia, utilizzando una struttura mobile omologata e autorizzata, unendo a essa al massimo altre tre piccole flotte, raggiungendo così un numero minimo per tale richiesta, il quorum minimo e massimo varia a secondo delle disposizioni dell’ufficio provinciale di competenza.
  • Il comune per dare un servizio ai propri cittadini, può delegare o autorizzare un’officina o un’agenzia del luogo, a organizzare e richiedere presso l’ufficio provinciale di competenza, varie sedute di revisione a suo nome, per soddisfare la richiesta dei residenti del comune e dei comuni confinanti, ove tale servizio non c’è.

L’attrezzatura deve essere composta da: 1 Frenometro ; 1 Prova Giochi ;1 Analizzatore Gas di Scarico; 1 Opacimetro ; 1 Contagiri ;1 Fonometro; 1 Prova Fari ; 1 Ponte di sollevamento o Buca di Ispezione  o Telecamere per il controllo sotto scocca, devono essere tutti omologati o autorizzati dalla M.C.T.C.

L’area utilizzata per le revisioni deve essere a norma ( 626/94 ), e idonea al servizio richiesto.

Top

 

 

 

 

 

Come calcolare la potenza frigorifera
 

Alcune riflessioni su come calcolare la potenza frigorifera necessaria alle nostre esigenze di temperatura :

La formula semplificata è Watt = superficie esterna X differenziale temperatura X ( coefficiente d’isolamento )
K X Coefficiente di sicurezza ( considerato nella normativa A.T.P. 1,75 )

La superficie esterna è la somma di tutte le superfici esterne del furgone isotermico ( N° 6 facce )

Il differenziale di temperatura è la differenza tra la temperatura esterna e la temperatura interna richiesta, considerata 30 ° per la normativa, ma d’estate sotto al sole cocente tale temperatura arriva anche oltre i 40 °.

Il coefficiente d’isolamento K è da considerare 0,40 IR per il surgelato 0’70 IN per il fresco, ciò è fornito dal costruttore del furgone isotermico; più basso è il coefficiente termico , migliore è la bontà dell’isotermia.

Il coefficiente di sicurezza è un numero matematico prestabilito, 1,75 per la normativa 2,05 per il
calcolo reale da noi adottato.

Il significato di alcune sigle : IN = Isotermico normale ; IR = Isotermico rinforzato ; FNA = Furgone frigorifero normale con resa frigor a 0 ° max ; FRA = Furgone frigorifero rinforzato con resa frigor a 0° max ; FRB = Furgone frigorifero rinforzato con resa frigor a – 10 ° max ; FRC = Furgone frigorifero rinforzato con resa frigor a –20°.
Se tali sigle finiscono con X ( FNAX, FRAX …..ecc. ) , significa che il frigorifero trainato raggiunge la classe di merito solo col funzionamento su strada, la data che segue è la scadenza dell’ A.T.P. ( es. FRCX 10 2012 ).


Top